Benvenuti nel sito ufficiale di informazione turistica della Provincia di PiacenzaScudo Piacenza

MONTE CROCIGLIA

Monte Crociglia
Descrizione
Il Monte Crociglia (1578 mt) è uno dei rilievi più panoramici dell’intero Appennino Piacentino ed è una delle mete preferite dagli escursionisti. Le sua cima a forma di ampia cupola è rivestita da prati e l’assenza di rilievi importanti negli immediati dintorni, la rende esposta al vento ma anche un belvedere di eccezionale interesse.
In vetta si trova dal 1957, a vigile sentinella della montagna, la statua dell’Arcangelo San Raffaele.
La stele in marmo bianco veneto dell’Arcangelo San Raffale è stata scolpita da Paolo Perotti nel 1974 su commissione dei valligiani di Torrio e del CAI di Piacenza, poichè nel 1972 un fulmine mandò in frantumi l'effige originaria. Ai suoi piedi si trova l’altare in marmo bianco veneto del 1995 con il monogramma della pace circondato di rami di ulivo. 

La statua originaria distrutta dal fulmine, era conservata nel camposanto di Torrio a ricordo dei caduti della Grande Guerra e fu trasportata lungo sette chilometri di mulattiera da un gruppo di uomini del paese sulla vetta del Monte Crociglia nel 1957, avendo scelto quest'ultimi di affidare se stessi e l'intera vallata alla protezione di Raffaele, l’arcangelo che guidò Tobia nel suo viaggio.
La collocazione avvenne in un'atmosfera quasi epica: l'8 settembre 1957 fu celebrata la prima messa, seguita da un pranzo freddo per quaranta persone. Da allora l'appuntamento, anticipato alla seconda domenica di agosto, si ripete puntuale ogni anno da più di 60 anni, richiamando in vetta diverse centinaia di persone tra le quali autorità piacentine e liguri. La tradizionale Festa al Monte Crociglia preceduta dalla Santa Messa è un'occasione per ricordare le vittime della montagna e i morti di tutte le guerre e per trascorrere serenamente tutti insieme una domenica di festa nel mese di agosto.

L'Arcangelo Raffaele continua quindi a vegliare dall'alto del Monte Crociglia sugli abitanti della Val d’Aveto e della Val Nure e unisce sotto la sua protezione due regioni: l'Emilia e la confinante Liguria. La sua statua inoltre, è diventata punto di riferimento per gli escursionisti della zona. 
Email
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Come arrivare
Da Piacenza si percorre la SP 654R della Val Nure fino a Ferriere, superato l'abitato e giunti in località Selva di Ferriere, proseguire fino al bivio sulla destra indicante il Rifugio G.A.E.P.  Proseguire fino al Passo Crociglia (1475 mt); in prossimità di un'area di sosta (lasciare l'auto) imboccare sulla destra, varcato il cancello che delimita i Pascoli del Crociglia, la mulattiera contrassegnata dal segnavia CAI 001 che sale verso il monte. In prossimità di un paletto infisso nel terreno, poco dopo essere sbucati dal bosco nell'immensa area prativa sommitale, si prende a destra per salire in vetta (1578 mt)
Data di aggiornamento
Venerdì, 01 Marzo 2019
Informazioni a cura dei Servizi di Informazione e Accoglienza Turistica dei Comuni di Bobbio, Borgonovo V.T., Castell'Arquato, Piacenza e Vigolzone