Benvenuti nel sito ufficiale di informazione turistica della Provincia di PiacenzaScudo Piacenza

SANTUARIO DI SANTA MARIA IN MONTE PENICE

Monte Penice
Descrizione
La chiesa in vetta al Monte Penice venne fondata in epoca altomedievale. Nel 622, il re longobardo Adiuvaldo e la madre Teodolinda, venuti a Bobbio a visitare la tomba di Colombano (m. 615), salirono al Monte: è possibile che sulla montagna vi fosse testimonianza delle parentesi di solitudine dalla comunità e di rigida astensione dal mondo del monaco irlandese. La prima testimonianza certa della esistenza di un luogo di culto sulla vetta del Monte Penice risale al settimo decennio del secoli XI. L’antico titolo della chiesa fu quello della «Madre di Dio», che in seguito si fuse con quello del «Nome di Maria».

La festa annuale del Santuario, secondo l’antica consuetudine, si celebra sul cadere dell’estate (seconda domenica di settembre).
Per molti secoli la chiesa di S. Maria in Penice appartenne al monastero di San Colombano, e solo sul principio del XIX secolo passò alla diocesi di Bobbio. Da quel momento, il santuario di Monte Penice divenne il principale centro di culto mariano della diocesi. 

Salire al Santuario nelle belle giornate, offre un panorama su tutta la catena delle Alpi e degli Appennini sorvolando con lo sguardo la pianura Padana.
Telefono
Nei mesi di apertura: +39.0383.574041 - Per informazioni e accordi per pellegrinaggi: +39.0523.614256
Periodi di apertura
Apertura stagionale: apertura 5 maggio 2019. Da tradizione il Santuario riapre, dopo la pausa invernale, dalla prima domenica di Maggio. Maggio e Giugno il santuario è aperto sabato e domenica. Nei mesi di Luglio Agosto e Settembre tutti i giorni
Come arrivare
Si raggiunge in automobile da Passo Penice.
Nel periodo invernale il santuario è raggiungibile solo a piedi, la strada viene chiusa al traffico a motivo delle nevicate.
Data di aggiornamento
Mercoledì, 06 Marzo 2019
Informazioni a cura dei Servizi di Informazione e Accoglienza Turistica dei Comuni di Bobbio, Borgonovo V.T., Castell'Arquato, Piacenza e Vigolzone