Benvenuti nel sito ufficiale di informazione turistica della Provincia di PiacenzaScudo Piacenza

DA TRAVO AL MONTE PENICE

Descrizione

Un percorso per conoscere i crinali che dividono Valtrebbia e Valtidone. L'itinerario proposto permette di trascorrere un'intensa escursione con lo zaino in spalla ripercorrendo la mitica Travo-Penice e lo spettacolare "Sentiero di Annibale". Travo - Passo Penice (8-9 ore).
IL PERCORSO: Il percorso è tutto in salita; si passa dai 176 metri di Travo agli oltre 1.000 del Passo Penice. Nella prima parte il territorio è alquanto antropizzato, ma dal Passo Caldarola l'aspetto naturale assume un peso via via preponderante e diviene dominatore incontrastato dal passo Crocetta in poi. Da Travo si sale lungo lo spartiacque tra i torrenti Dorba di Travo e Guardabbia (affluenti di sinistra del Trebbia) toccando i cascinali di Tradoni, Casa Perdoni, Case Bulla, Costa Grillo, Case Rotte, Cassero, e San Giorgio. Con il guadagnare della quota il paesaggio s'apre sempre più visibile la Padania con Piacenza e Castel San Giovanni. Arrivati al Passo Caldarola si interseca la rotabile provinciale per Mezzano Scotti - Agazzano - Pianello Val Tidone. Siamo sulla testata di valle dei torrenti Luretta di Monteventano di San Gabriele. Vicina spicca dal pacato profilo dei colli l'insolita mole della Pietra Parcellara ( 836 m). Per raggiungere la Pietra Parcellara, il più settentrionale degli affioramenti ofiolitici europei, si segue il sentiero da Passo Caldarola; lo stesso sentiero scende successivamente a Perino. Come prima accennato, dal Passo Caldarola i boschi assumono il dominio del territorio. Superato il Monte Lazzaro (987 m), si sfiorano Case Longarini, ed attraverso Costa Pianazza e Costa Rasa eccoci al Monte Mosso (1.008 m ore 2) che viene aggirato lungo le pendici est e sud in discesa. Un bianco tempietto accoglie il camminatore al Passo della Crocetta (873 m) dove si trova la Provinciale Pecorara - Vaccarezza. Entriamo nella parte più interessante, dal punto di vista naturalistico della tappa. Tutta la zona è un mare verde da cui emergono, come isole, le cime montuose del Pan Perduto (1.065 m), del Groppo (1000 m), dei Sassi Neri (1.034 m), di Pietra Corva (1.078 m) e di tanti altri massi innominati. In 15 minuti è possibile raggiungere i Giardino Alpino di Pietra Corva piegando su un sentiero a destra che interseca il percorso. Dai Sassi Neri al Passo Penice ci si impiegano 2 ore e 30'; quindi attraverso un boschetto, si raggiunge e s'attraversa la rotabile per Casa Matti e Romagnese, si sfiora la S.S. 461 Bobbio - Varzi e con l'ultima salita, si perviene al termine di tappa.
A passo Penice (1.149 m) è possibile pernottare nelle strutture destinate al turismo invernale.

 

Telefono
IAT Bobbio +39.0523.962815
Ufficio informazioni turistiche di riferimento
Data di aggiornamento
Giovedì, 22 Giugno 2017
Informazioni a cura dei Servizi di Informazione e Accoglienza Turistica dei Comuni di Bobbio, Borgonovo V.T., Castell'Arquato, Piacenza e Vigolzone